Mercoledì 2 luglio ore 21.00

nel parco del castello di San Giorgio Canavese

Concerto del CORO BAJOLESE
con Amerigo Vigliermo

voci del cuoreDurante la serata sarà presentato il volume “Voci del Cuore”.

Per la descrizione del volume vai alla pagina dell’editore Atene del Canavese

Ingresso gratuito!

In caso di maltempo il concerto si terrà all’interno del Castello.


Giampaolo VERGA
Atene del Canavese
+39 349 55.07.561
info@atenedelcanavese.it

Il libro a tema religioso, ma anche quello di tipo informativo sulla storia e sull’attualità di Torino, sulle culture e tradizioni del Piemonte sono gli elementi che compongono l’offerta di “inChiostro”, la manifestazione che si svolge in concomitanza con la festa della Consolata.

Per due giorni, sabato 14 e domenica 15 giugno, nella piazzetta antistante il santuario sarà collocato uno stand con i testi degli editori del Piemonte. Dopo la prima esperienza lo scorso anno, oltre alla consueta offerta di libri usati organizzata dai volontari della Consolata, viene data la possibilità, ai fedeli che frequenteranno la novena ma anche ai torinesi e ai turisti in passeggiata nel quadrilatero romano, di incontrare da vicino la produzione cartacea e audiovisiva più ancorata al territorio.

L’orario tiene conto della frequenza delle celebrazioni nel santuario e, forzatamente, il curioso andamento climatico di queste settimane. Parte del ricavato delle vendite dei libri andrà a favore delle attività caritative della Consolata.

Il Centro Studi Piemontesi – Ca dë Studi Piemontèis

aspetta i Soci gli amici i collaboratori per una “partìa a ciance

e un percorso per immagini  nei loro primi 45 anni

e… un brindisi  al futuro.  Partecipate!

mercoledì 11 giugno 2014
dalle 10 alle 20 in via Revel 15

per la giornata

Festa di compleanno – Ca dë Studi Piemontèis porte aperte

esposizione di documenti, lettere, fotografie, per ricordare i 45 anni di fondazione del Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis.

L’11 giugno 1969, a Torino, in via Donati 27, abitazione del Professor Renzo Gandolo, tornato a Torino nel 1961, dopo un trentennio “romano”, nasceva il Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis. Il verbale di quella prima riunione vergato a mano, in piemontese, da Gianrenzo P. Clivio, conservato nell’Archivio dell’Associazione,  si conclude  con queste parole: “[…] An arciamandse a la bon-a tradission piemontèisa con cheur sincer e franca volontà, an soa qualifica ëd Sòcio promotor, a costituisso la Ca dë Studi Piemontèis (Centro Studi Piemontesi) e da galantòm as sostigno […]”. Seguono le firme di Renzo Gandolfo (che per delega firma  pure per l’ing. Gaudenzio Bono, Dino Gribaudi e Giuseppe Fulcheri), Gianrenzo P. Clivio,  Camillo Brero (anche per delega di Alfredo Nicola e Armando Mottura), Amedeo Clivio, Giacomo Calleri, Censin Pich, Tavo Burat. Per ricordare i primi 45 anni di cammino da quel giorno,  l’11 giugno il Centro Studi Piemontesi apre  le porte della sua attuale sede di via Ottavio Revel 15, con una esposizione di documenti, lettere, fotografie.

info
Centro Studi Piemontesi – Ca dë Studi Piemontèis
Via Ottavio Revel, 15
10121 Torino – Tel. 011/537486
info@studipiemontesi.it     www.studipiemontesi.it